Come migliorare le competenze digitali in azienda? Ecco la ricetta per nutrire i talenti e restare competitivi

Data
01 Lug 2021
Categoria
Articoli
Contattaci
Come migliorare le competenze digitali in azienda? Ecco la ricetta per nutrire i talenti e restare competitivi

Stare al passo e padroneggiare tutte le novità in ambito digitale richiede tempo, dedizione e formazione ad alti livelli. Secondo il report “The future of Jobs 2020” del World Economic Forum (WEF), nel 2030 9 lavori su 10 richiederanno competenze digitali avanzate.

Le competenze digitali sono diventate un prerequisito e senza di esse si fatica a trovare la propria dimensione in qualsiasi settore. Per evitare di diventare obsoleti e venire spazzati via da realtà più giovani e innovative è necessario avere il coraggio di mettersi in gioco, provare nuove strategie e migliorare il set di skill presenti in azienda.

Ma quali sono le competenze digitali di cui non possiamo fare a meno? Vediamole insieme…

Competenze digitali hard & soft: quali sono le differenze?

Le competenze digitali sono un insieme di abilità e conoscenze in costante evoluzione che consentono di “utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell’informazione per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione” (AICA – Associazione Italiana per l’informatica ed il calcolo automatico). In generale, le Competenze Digitali si possono distinguere tra hard e soft skills.

Vengono definite “hard skills” le competenze tecniche di base, che possono essere acquisite tramite corsi di formazione e sono quantificabili. Per esempio, in questa categoria rientrano tutte le abilità che riguardano l’area SMAC (Social, Mobile, Analytics, Cloud) insieme ad Intelligenza Artificiale, Robotica, IoT e Cybersecurity.

Le “soft skills“, invece, sono capacità trasversali, che non possono essere quantificate e dipendono da cultura, personalità ed esperienze vissute del singolo. Ne fanno parte ad esempio: problem solving, knowledge networking (capacità di recuperare e capitalizzare le informazioni che si trovano in rete), new media literacy (grado di alfabetizzazione rispetto ai nuovi media) e self empowerment (possedere le conoscenze necessarie a padroneggiare gli strumenti digitali per risolvere i problemi).

Le richieste per migliorare le competenze digitali stanno vivendo una crescita esponenziale, tuttavia spesso non è facile trovare un riscontro in termini di formazione. Ciò si traduce in un fenomeno noto come “digital mismatch“, che indica il divario tra le competenze possedute dai lavoratori e quelle richieste dal mondo del lavoro.

Come ovviare a questo problema? Una valida risposta a questo dilemma può essere trovata nel “reskilling”, tramite formazione mirata e altamente specializzante.

Che cos’è il reskilling?

Con il termine “reskilling” s’intende l’insieme di attività messe in atto per migliorare le competenze digitali in azienda tramite la riqualificazione di alcune skill già acquisite che possono essere arricchite ed applicate ai nuovi trend digitali.

Da questo punto di vista, la tecnologia sta assumendo un ruolo ambivalente. Da una parte, si configura come protagonista nel ridefinire l’insieme delle competenze digitali e, dall’altra, si presenta come un alleato indispensabile, aiutando le aziende a comprendere le reali necessità e a definire percorsi formativi personalizzati.

Migliorare le competenze digitali riduce il turnover aziendale. Ecco come…

Offrire ai dipendenti la possibilità di formarsi può essere un ottimo incentivo che avrà ripercussioni dirette sulla loro autostima, soddisfazione e performance. La digitalizzazione, infatti, non ha modificato solo le abitudini nelle relazioni tra collaboratori, ma anche le strategie aziendali per attrarre e fidelizzare i talenti, aumentando l'”employee retention“.

Grazie alla formazione, i lavoratori acquisiscono nuove conoscenze e competenze utili alla crescita personale e a stare al passo con lo sviluppo tecnologico e le sfide aziendali, mentre l’azienda dimostra di dare valore ai propri dipendenti e rafforza il loro attaccamento.

“Un team incentivato a migliorare sarà portato a coinvolgersi maggiormente nelle cause aziendali, fino a rendere gli obiettivi di business propri obiettivi personali. In questo senso, offrire opportunità di formazione e accrescimento personale può essere un’ottima strategia per tenere alta la motivazione, far crescere la produttività e aumentare il coinvolgimento e la collaborazione.” – interviene Tamara Versolatto, KnowNow Academy Sales Consultant.

Se sei alla ricerca una risposta concreta e in linea con alti standard per acquisire o migliorare le tue competenze digitali, beanTech e la sua Academy KnowNow sono pronte ad affiancarti, offrendoti il supporto di docenti certificati che ti permetteranno di espandere il tuo potenziale e incrementare il tuo vantaggio competitivo.

Visita la pagina dedicata per scoprire i nostri corsi in partenza e contattaci per un’offerta formativa su misura per le tue esigenze.

 

Vuoi saperne di più?

Siamo a tua disposizione

    Cliccando su “Contattaci” acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali in merito all'informativa sulla privacy.

    oppure puoi chiamarci al numero 0432 889787